A scuola con CuoreChievo

Il progetto, ideato insieme ai professori Alessandro Rigoni e Antonio Sparacino, è sostenuto da MIUR Provinciale di Verona (UST, IC9 Valdonega e Scuola in Ospedale), ULSS 9, Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona ed è pensato per bambini e giovani studenti della scuola per l’infanzia, della scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado degenti nelle scuole ospedaliere (Ospedale “Della Donna e del Bambino” di Borgo Trento) e negli Istituti Speciali (Cerris).

DESCRIZIONE DEL PROGETTO “A SCUOLA CON CUORE CHIEVO”

Il bambino ospedalizzato per problemi di salute, per trattamenti terapeutici prolungati o per condizioni di disabilità è impossibilitato a frequentare la scuola e quindi viene meno il processo di inclusione scolastica e di diritto all’apprendimento.

L’obiettivo del progetto è favorire una connessione diretta tra la didattica eseguita a scuola e quella nell’azienda ospedaliera e paraospedaliera. Non si vuole delocalizzare lo svolgimento delle attività didattiche con progetti occasionali e parziali, ma creare elementi strutturali della didattica quotidiana a disposizione dei ragazzi sui tavoli che hanno sostituito i banchi nelle aule attrezzate con piattaforma multimediale in videoconferenza, con PC collegati in rete, e con wood lab per gli atelier creativi legati all’uso del legno, arte e tecnologia.

Il Progetto si propone di raggiungere un duplice risultato:

Costruire una comunità educante, dialogica e collaborativa, nella quale i ragazzi della scuola Catullo e delle scuole ospedaliere (Ospedale “Della Donna e del Bambino” di Borgo Trento) e degli istituti Speciali (Cerris) abbiano l’opportunità di dialogare tra di loro e condividere percorsi di apprendimento teorico e laboratoriale sentendosi coinvolti anche a distanza nel processo di apprendimento, imparando ad essere persone partecipi e competenti.

Innovare la didattica in modo sistematico abbattendo le distanze e l’isolamento, attraverso l’innovazione tecnologica (Piattaforme multimediali Cisco).

Strumenti e supporti del progetto :

Con i fondi che saranno raccolti, si prevede l’acquisto del materiale operativo di seguito riportato:

– Sistema Cisco Spark educational suite
– Tablet per agevolare gli interventi didattici individualizzati per bambini
– Kit/valigie tecnologiche

La cifra è stata raggiunta nel corso della stagione grazie alle donazioni raccolte dall’associazione durante le numerose attività di beneficenza organizzate con la Prima Squadra e con i Calcio Club del ChievoVerona. Una di queste è stato il “braccialetto della solidarietà” divenuto il vero simbolo dell’iniziativa.

Alla consegna erano presenti: Luca Coletto, Assessore Regionale Sanità Veneto, Francesco Cobello, Direttore Generale AOUI Verona, Leonardo Zoccante, Dirigente medico- SNPI Azienda Ospedaliera-Verona, Alessandro Cardi, presidente CuoreChievo Onlus e Giuseppe Manni, presidente Verona Brain Research Foundation, fondazione alla quale andrà la somma raggiunta nel corso dell’anno.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest

Post Correlati

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.